torna alla pagina precedente

Considerate questo argomento solo come un esercizio per studiare gli equilibri e i movimenti di un "giro sotto braccio".

Nel ballo ci sono dei momenti in cui il cavaliere fa girare, su se stessa, la dama. Tenendola o con la mano sinistra (il più delle volte) o con la mano destra.
Vediamo un po' come avviene questo "Giro Dama sotto braccio Uomo"
Non è un argomento semplice, ma mettiamoci di buona volontà e andiamo avanti.

Consideriamo una posizione standard di "coppia compatta", tipo Mazurca (un-due-tre) e consideriamo un
Giro Dama, alla sua destra, sotto il braccio sinistro del Cavaliere.

Le tre figure mostrano i tre passi della mazurca per eseguire il giro dama.

Le tre figure sono sequenziali. Non dovete procedere ma farle sul posto.

Nella Fig. 1 il passo 1 indica la posizione che assumono i piedi all'inizio dell'uno.In altre parole, piede sx dell'uomo diagonale indietro (piatto) e piede dx della dama con punta rivolta a dx (pianta).
Nel fare questo passo, l'uomo stacca il suo braccio destro dalla dama e solleva la sua mano sinistra, in presa con la destra della dama, muovendola, contemporaneamente, un po' all'indietro e a sx.
Contemporaneamente la dama segue la guida della mano sinistra dell'uomo ed è costretta, per trovare un equilibrio stabile, a poggiare il suo piede dx con la punta rivolta a dx.
Durante questo movimento, il busto della dama ruoterà a destra, guidata dalla mano sinistra dell'uomo che imprimerà una leggera rotazione alla presa delle mani sx-uomo/dx-dama.
Prima
che la dama arrivi a poggiare il piede nel passo 1!

Passiamo alla Fig. 2. Qui, come prima, a livello di piedi, l'uomo non fa molto. Sposta il piede dx in diagonale in avanti. Invece, col braccio sx deve girare la dama sulla sua pianta dx facendole fare un elegante e comodo giro.
Come fare?
A questo punto le mani (sx-uomo/dx-dama) si aprono distese con un contatto palmo-palmo.

  1. Il ritmo
    Ho messo il ritmo al primo punto perchè, normalmente i neofiti si concentrano su quello che "devono fare" e dimenticano la musica. Praticamente fermano il corpo e ignorano ogni riferimento con la musica per dedicarsi esclusivamente al "compito" di far girare la Dama.
    Durante il "Giro dama", il Cavaliere deve trasmettere il ritmo musicale (nel nostro caso, i tre passi della Mazurca) alla Dama; il lavoro del suo corpo, delle sue gambe e del braccio che guida la Dama, devono essere sincronizzati sulla musica.
  2. Il distacco
    Il distacco avviene, parlando della Mazurca, tra la fine del tre e l'inizio dell'uno successivo. Più in generale, riferendoci anche ad altri balli, il distacco avviene tra la fine dell'ultimo passo e l'inizio del primo passo di una base ritmica o di una figura, che normalmente può essere l'uno (come nella Mazurca) o il due (come nella Beguine, nella Rumba, nel ChaCha, ecc.)
  3. I comandi del Cavaliere
    L'unico contatto tra i partners, dopo il distacco, è quello delle mani.
    A questo punto, per insegnare al cavaliere come far girare la dama, è opportuno fargli fare un po' di esercizio con qualcosa di inerte, prima di cimentarsi con un essere dinamico.
    Procuratevi un qualcosa che assomigli ad un asse di legno rettangolare, con il lato più lungo che può variare tra un metro e un metro e ottanta centimetri e con il lato corto di circa 30-40 centimetri. Tipo, che so, una mensola. In alternativa, va bene anche un pezzo di cartone rigido, oppure una sedia. Si, forse una sedia va bebe lo stesso, purchè abbia la spalliera non arrotondata nella parte superiore.
    Prendete l'asse o la sedia dallo spigolo superiore e spostatelo in modo da sollevarlo e portarlo sulla verticale dello spigolo diagonalmente opposto che poggia per terra.
    Vi accorgerete che il lavoro che state facendo, diminuisce man mano che lo spigolo che state muovendo si avvicina alla verticale dello spigolo che poggia sul pavimento.
    Quando sarete sulla verticale, l'asse o la sedia che state usando, si trovetà in un equilibrio instabile e voi potete tenere quell'equilibrio con un solo dito, senza fare alcun lavoro.
    Ora provate a poggiare il palmo della mano sullo spigolo superiore (quello che avete spostato) e roteate la mano facendo eseguire allo spigolo un percorso circolare in senso orario o antiorario; vedrete che l'asse o ciò che state usando, gira su se stesso su quella linea che congiunge i due spigoli, quello sul pavimento e quello sotto il vostro palmo.
    Questo è all'incirca quello che dovremo fare per guidare la Dama nel giro.
  4. La progressione rotativa della Dama
    Dopo aver studiato il comportamento di un oggetto inerte, passiamo a osservare il comportamento della Dama. Comunque, prima di applicare quanto scritto in questo paragrafo, leggete anche quello successivo, sulla Disposizione delle mani.
    Nell'esempio precedente, noi abbiamo fatto girare il nostro oggetto solo su uno spigolo. In realtà la nostra partner dovrà concludere il giro facendo tre passi.
    - all'uno il cavaliere fa un passo, col sinistro, leggermente indietro, diagonale a sinistra [5-10cm], contemporaneamente si stacca dalla dama portando su e leggermente in avanti, la sua mano sinistra in presa con la destra della partner; la dama farà, col destro, un piccolo passo, diagonale a destra, girando col busto a destra, poggiando solo la pianta, con la punta verso la propria destra, e andandoci su col peso.
    - al due il cavaliere, facendo un passo sul posto col destro, porta la mano della dama poco oltre la di lei testa, mentre la dama fa poco più di mezzo giro col busto, pivottando sulla pianta destra e poggiando il sinistro, sempre di pianta, con la punta rivolta verso il partner, portandoci il peso.
    Nota: Se il piede resta diagonalmente all'esterno della posizione del partner, al passo successivo si completa il giro con un piccolo pivot.
    - al tre l'uomo riporta le mani in posizione di ballo compatto, lungo una traiettoria circolare discendente, chiudento il piede sinistro affianco al destro o ripoggiandolo sul posto e portandoci il peso. La dama potrà terminare il giro con un eventuale piccolo pivot sul sinistro (vedi nota precedente) o, se il sinistro è già in posizione corretta, chiudendo col destro affianco al sinistro e portandoci il peso.
    A questo punto la coppia è ritornata compatta.
  5. La disposizione delle mani
  6. Attenzione, questo argomento ha valore in tutti i balli in cui si esegue un giro dama o giro uomo che sia. Tranne eccezioni.
    Nei giri dove uno solo dei partner lo esegue e l'altro guida, le mani non sono in presa ma distese.
    La distensione si riferisce a tutte e cinque le dita. La mano è completamente aperta e le dita sono allineate ed unite; anche il pollice!.
    Queste considerazioni devono essere applicate nella descrizione fatta al punto 4.
    Movimento delle mani uomo/donna.
    Dopo aver portato il braccio sinistro verso l'alto, l'uomo distende le dita e la dama, di conseguenza fa altrettanto. Il contatto resta palmo-palmo. Attenzione al pollice, tenetelo più all'esterno delle altre dita, altrimenti può creare interferenza con l'altra mano.
    Nella prima parte del giro, il palmo dell'uomo procede lungo una traiettoria circolare ascendente, in senso orario, fino a superare la testa della dama. Il questo passaggio il palmo viene rivolto verso il basso. Di conseguenza quello della dama è rivolto verso l'alto.
    La mano dell'uomo continua a spingere il palmo della dama, portandolo contemporaneamente sulla sua testa. In questa posizione, alla fine del secondo passo, le dita dell'uomo si trovano rivolte alla sua destra e quelle della dama sono rivolte verso la propria parte sinistra. Uomo col palmo in giù e dama con palmo in su. Quindi hanno ruotato tra di loro.
    Nella traiettoria di discesa, le mani ritornano in presa.
  7. Note finali
    1. Nel guidare il giro, l'uomo non porti eccessivamente su la mano, oltre la testa della dama. Non è necessario. Basta un centrimetro o due al di sopra.
    2. Non aiutare la dama a girare spingendola sulla schena! La dama si guida da sopra, come abbiamo visto nell'esercizio della mensola/sedia.
    3. La dama abbia fiducia nella guida del cavaliere e non si aggrappi al suo pollice; se lo fa, rischia di smette di girare. Il contatto palmo-palmo è più che sufficiente
    4. La dama non abbassi la testa per passare sotto il braccio dell'uomo. Per quanto basso possa essere un uomo e per quanto alta possa essere una donna, la mano dell'uomo supererà comunque la testa della dama.
    5. Col tempo e con l'esercizio, imparerete che non ci sarà bisogno di tenere le mani con le dita completamente distese, anzi le dita si muoveranno in maniera molto fluida e anche le braccia acquisteranno un movimento fluido e calibrato da permettere un giro comodo e snello. Inoltre il cavaliere deve fare in modo di tenere la dama il più possibile in equilibrio sulla pianta del piede su cui stà girando.

Puoi scrivere un commento, un'opinione o una critica, per farlo effettua il login o registrati dal menù.