torna alla pagina precedente

Cambio di direzione

L'orientamento della coppia è FDCFDC=Fronte Diagonale Centro, nella sezione "Simbologia" vi è lo schema degli orientamenti, l'avanzamento è, come per la "Base ritmica", lungo la LDBLDB=Linea di Ballo, nella sezione "Simbologia" vi è lo schema degli orientamenti.

La figura che andremo ad analizzare non è altro che un cambio di direzione ad un angolo della sala.
Vi è una gran varietà di cambi di direzione, noi ci limiteremo a quello più naturale.
Qui si suppone una sala rettangolare, o quadrata. E... se fosse tonda od ovale?
Nessun problema! Eviteremo di fare un cambio di direzione a 90° e seguiremo il profilo della sala.


Fig. 1 - Cambio di direzione nell'angolo della sala. Uomo, partenza di piede sinistro.

Il primo passo viene fatto lungo la LdB; niente di particolare, a prima vista; ma se osserviamo il piede destro della dama, notiamo che, a differenza della base ritmica (Lez. n° 1), si trova all'esterno del piede dell'uomo. In questa posizione ci sono due sagome sovrapposte, quelle di sotto sono la posizione di arrivo del passo n° 1, quelle di sopra sono un pivot eseguito sulla pianta al passo n° 2. Il cambio di direzione avviene proprio in questo passaggio al passo n° 2.

È bene notare che per fare questi primi due passi, l'uomo, mentre fa il passo n° 1, gira il busto a sinistra ma fa il passo dritto; la dama, segue il movimento del busto dell'uomo, ruotando il suo busto a sinistra e, andando indietro, poggia il suo piede sinistro istintivamente all'esterno rispetto all'uomo. Non lo fa di proposito!

Questa posizione è indispensabile nel "cambio di direzione", perchè al 2° passo, dopo il "pivot" ci si ritrovi con i piedi nella posizione giusta per fare i due "quick" successivi.


Evitando le solite tabelline, che ripeterebbero sempre le stesse cose, ricordo che l'uomo, nell'avanzare poggia prima il tacco e poi, man mano che arriva il corpo, poggia la pianta; nel fare il "pivot" di pianta successivo, solleva leggermente il tacco dal pavimento. La dama, nel retrocedere, scivola con la punta rasente il pavimento, poggia la punta a fine passo e, man mano che arriva il corpo, si adagia sulla pianta e col tacco sfiora il pavimento senza poggiarsi sopra. Questo per avere la possibilità di fare il "pivot" sulla pianta con tutta naturalezza.


Tutto chiaro?
Se avete delle domande, riflessioni, incomprensioni, ecc. Sapete come contattarmi.
Buon divertimento.

Puoi scrivere un commento, un'opinione o una critica, per farlo effettua il login o registrati dal menù.